Pinza crimpatrice, l'accessorio fondamentale se si parla di connessioni elettriche e non 

Partiamo dalla spiegazione del significato della parola crimpatura? Riteniamo di sì, perché a meno che non siate degli elettricisti o vi intendiate dell'argomento, non avrete idea del fatto la crimpatura sia quella operazione di schiacciamento grazie alla quale un cavo elettrico viene connesso a una terminazione o ad un connettore, creando un contatto elettrico. 
La crimpatura, proprio per questa sua caratteristica, viene spesso paragonata alla saldatura e, per essere messa in pratica, prevede l'utilizzo delle pinze crimpatrici, più o meno grandi, più o meno professionali, a seconda del lavoro finale che si vuole ottenere. 
Oggi la tecnologia mette a disposizione diversi tipi di pinza crimpatrice, tra i quali quella professionale in acciaio  che vedete in foto e che utilizza una tecnologia passante grazie alla quale il cavo entra nel plug in maniera facilitata e minimizza gli errori di cablaggio rendendo tutto il procedimento molto più veloce. 
Una curiosità? Le pinse crimpatrici vengono utilizzare anche dai gioiellieri quando devono saldare due estremità di un gioiello, che sia una collana o un bracciale. 

Insomma, si tratta di un accessorio da tenere nella cassetta degli attrezzi di un elettricista, ma anche di chi si diletta con il fai da te. 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Articoli che Potrebbero Interessarti